LA McLAREN 675LT: UNA COSA MERAVIGLIOSA… PURA POTENZA

12 Apr 2016

  • Ultra-leggera, caratteristiche aerodinamiche ottimizzate, potenza incrementata, comportamento dinamico da circuito e massimo coinvolgimento del guidatore – tutti attributi tipici di una ‘Longtail ‘coda lunga’ a marchio McLaren
  • Accelerazione da 0 a 100 km/h (62 miglia orarie) in 2,9 secondi, da 0 a 200 km/h (124 miglia orarie) in 8.1 secondi; velocità massima pari a 326 km/h (203 miglia orarie)
  • 675 CV e 700 Nm di coppia garantiscono prestazioni mozzafiato, mentre il tetto retraibile regala incomparabili sensazioni di ebbrezza durante la guida
  • La riduzione di peso di 100kg contribuisce a un peso a secco di 1.270kg, con un rapporto potenza/peso pari a 532 CV per tonnellata
  • E’ il secondo modello contrassegnato dallo stemma ‘675LT’, in risposta a una domanda significativa da parte dei clienti
  • il modello McLaren con tetto apribile più focalizzato, veloce ed esaltante mai realizzato rigorosamente limitata a 500 esemplari, e interamente venditi nel tempo di due settimane

La 675LT Spider è stata svelata alla fine del 2015 come ultimo capitolo nella storia dell’iconico nome ’Longtail’, ed il quinto nuovo modello presentato in un anno molto importante per McLaren Automotive. Con una produzione strettamente limitata a soli 500 esemplari a livello mondiale, che si sono vendute in sole due settimane, questo è il secondo modello che si fregia dello stemma LT. Viene introdotto a meno di un anno da quando – dopo ben 20 anni – il primo dei nuovi modelli LT ha rilanciato questo prestigioso nome, ed è da intendersi come una risposta alle pressanti richieste da parte dei clienti. La 675LT Coupé si focalizzava sulla riduzione del peso, l’ottimizzazione delle caratteristiche aerodinamiche, una maggiore potenza e un comportamento dinamico da circuito, ed è stato un modello a ‘tiratura’ limitata che ha avuto un successo tale da risultare esaurito già prima che iniziassero le prime consegne. Nel rispetto delle caratteristiche fondamentali descritte, McLaren Automotive presenta ora il modello con tetto apribile più focalizzato, veloce ed esaltante mai realizzato fino ad ora con marchio McLaren, rafforzando ulteriormente il l’emblema “LT”.

La 675LT, la seconda McLaren a fregiarsi della sigla LT – o ‘Longtail’ (coda lunga) – dopo quasi 20 anni, resta fedele allo spirito del suo iconico predecessore grazie a un profilo ottimizzato delle caratteristiche aerodinamiche e sensibilmente migliorata nel design, che garantisce una deportanza superiore del 40% rispetto alla 650S, accanto alla quale si colloca nella Super Series di McLaren

‘Longtail è un nome famoso nella storia di McLaren, poiché è stato utilizzato per la prima volta per la versione più veloce dell’iconica McLaren F1,’ spiega Mike Flewitt, CEO di McLaren Automotive. ‘La McLaren F1 GTR ‘Longtail’ è stata l’evoluzione finale e di grande successo della F1 e ‘Longtail’ è un nome perfetto per il modello più esaltante e focalizzato sul guidatore della Super Series. La 675LT è la ‘summa’ di ciò che McLaren rappresenta: puro piacere di guida.’

L’obiettivo principale perseguito con la 675LT è chiaro: offrire il massimo in termini di prestazioni, coinvolgimento ed emozione. A tale scopo si è ridotto il peso complessivo di 100kg grazie a un maggiore impiego di fibra di carbonio – il materiale che contraddistingue le vetture McLaren – e di componenti ultra-leggeri per diverse parti della carrozzeria, introducendo inoltre una geometria delle sospensioni di recente sviluppo derivata dalla McLaren P1™ che aumenta la carreggiata di 20mm Sotto la carrozzeria della 675LT Spider batte il cuore del V8 biturbo da 3.8 litri ampiamente modificato condiviso con la Coupé, in grado di garantire livelli prestazionali degni dell’emblema LT – o ‘coda lunga’. I dati relativi alla potenza erogata e alla coppia motrice rimangono invariati, ovvero 675 CV erogati a 7.100 giri e 700 Nm disponibili fra i 5.000 e i 6.500 giri. Le modifiche al propulsore hanno comportato l’introduzione di oltre il 50% di componenti nuovi per assicurare livelli ottimizzati di potenza, coppia motrice e maneggevolezza. Gli interventi di ottimizzazione includono unità turbo nuove e più efficienti, modifiche di alcuni dettagli di progettazione delle teste dei cilindri e dei collettori di scarico, un nuovo albero a camme e bielle ultra-leggere, oltre che una pompa e un sistema di erogazione del carburante a flusso più rapido.

L’accelerazione da 0 a 100 km/h (0-62 miglia orarie) richiede soltanto 2,9 secondi, mentre si arriva ai 200 km/h (124 miglia orarie) in 8,1 secondi – una differenza di soli 0,2 secondi rispetto alla Coupé. Un’erogazione controllata della coppia motrice in prima gestisce la coppia fino a 600 Nm (443lb ft) così da garantire la massima accelerazione e ridurre lo slittamento delle ruote. La velocità massima è di 326 km/h (203 miglia

orarie). Nonostante gli incredibili dati prestazionali, la 675LT Spider ha un consumo di carburante 11,7l (24.2mpg) sul ciclo combinato europeo, con emissioni di CO2 di 275 g/km che rimangono uguali a quelle della Coupé. L’hard top formato da tre segmenti retrattili – che può essere aperto a velocità fino a 40 km/h (25 mph) regala agli occupanti l’euforia del ‘vento fra i capelli’, arricchendola di emozioni del tutto nuove.

Rimanendo fedele all’ethos della ‘coda lunga’, introdotto dalla McLaren F1 alla fine degli anni ‘90, la 675LT Spider è stata sviluppata con particolare attenzione al peso ridotto e all’ottimizzazione delle caratteristiche aerodinamiche. La speciale vocazione di questo modello è sottolineata dall’ampio uso della fibra di carbonio per la carrozzeria. Come nel caso della 675LT Coupé, il paraurti anteriore con splitter e piastre terminali prominenti, il sottoscocca anteriore, le minigonne laterali, le prese d’aria laterali, le prese d’aria laterali inferiori, il pannello inferiore della fiancata posteriore, i passaruota posteriori, il pianale posteriore, il paraurti posteriore e l’Airbrake in coda sono tutti realizzati in fibra di carbonio. I componenti ultra-leggeri sono presenti anche nel sistema di propulsione e nel telaio e, tutti insieme, contribuiscono a un peso a secco di soli 1.270 kg. Il peso è di ben 100 kg inferiore a quello della già leggerissima 650S Spider e consente di ottenere un rapporto potenza/peso di 532 CV per tonnellata. Grazie alla resistenza intrinseca del telaio monoscocca MonoCell in fibra di carbonio, non è stata necessaria l’aggiunta di elementi di rinforzo supplementari – con conseguente aumento del peso – per compensare la rimozione del tetto, per cui la 675LT Spider risulta di soli 40 kg più pesante della Coupé, una differenza riconducibile al sistema di retrazione del tetto.

Il profilo istrionico e la postura decisa della 675LT vengono mantenuti nella variante Spider, insieme al prominente splitter frontale con piastre terminali sui lati, ognuna delle quali convoglia il flusso dell’aria in modo più efficiente incrementando così la forza deportante. Soglie laterali scolpite in fibra di carbonio corrono lungo l’intera lunghezza della parte inferiore della carrozzeria, confluendo verso una presa d’aria più piccola collocata prima delle ruote posteriori. Quest’ultima si trova proprio sotto una presa d’aria laterale più pronunciata ed entrambe immettono aria fredda pulita nei radiatori montati lateralmente e più sporgenti, così da consentire un maggiore raffreddamento.

L’hard top retrattile scompare sotto una tendina di copertura di colore coordinato mentre il motore resta visibile attraverso il coperchio ultra-leggero in policarbonato fessurato. Nella sezione posteriore, i due terminali di scarico crossover in titanio forgiato

fuoriescono dalla carrozzeria sotto l’Airbrake attivo in coda, che ha dimensioni maggiorate del 50% rispetto agli altri modelli della Super Series. Quest’ultimo confluisce nelle linee dei nuovi alettoni posteriori e, sebbene più grande, il suo peso risulta addirittura ridotto grazie alla sua struttura in fibra di carbonio. Le parti della carrozzeria che rimangono esposte in corrispondenza del pianale posteriore e sotto l’alettone contribuiscono a migliorare il raffreddamento del motore, mentre le feritoie di ventilazione sul paraurti posteriore svasato ottimizzano i livelli di pressione.

La 675LT Spider condivide con la Coupé lo stesso assetto e la stessa geometria delle sospensioni, con una sezione anteriore caratterizzata da nuove molle ultra-leggere e da una carreggiata allargata di 20 mm. La taratura delle molle è quella che risulta più orientata verso i parametri da circuito fra tutti gli altri modelli della Super Series, con una rigidità incrementata del 27% sull’anteriore e del 63% sul posteriore, così da favorire un bilanciamento più spostato “indietro” e da incrementare del 40% la deportanza rispetto alla 650S Spider.

La dotazione standard della 675LT Spider prevede cerchi forgiati in lega ultra-leggera a 10 raggi – anteriori da 19” e posteriori da 20” – con penumatici P Zero™ Trofeo R, sviluppati per i modelli 675LT in collaborazione con il partner tecnico Pirelli. Si tratta dell’insieme pneumatico/cerchione più leggero mai proposto da McLaren. Sono disponibili altre due tipologie di ruote super-leggere opzionali: un nuovo modello a 20 raggi, proposto con finitura metallo liquido o taglio diamante, e il modello super-leggero a cinque raggi che ha fatto il suo debutto con la 675LT Coupé.

Il tema della leggerezza viene ripreso nell’abitacolo attraverso un ampio uso di Alcantara® e fibra di carbonio a vista. I due sedili a ‘bacquet’ con guscio in fibra di carbonio leggera che riprendono la linea di quelli della McLaren P1™ consentono, complessivamente, di ridurre il peso di 15kg e ripropongono il rivestimento in pelle goffrata stile ‘675LT’ per garantire un livello maggiore di supporto e aderenza. Come per la McLaren P1™ e la 675LT, i comandi dell’impianto di riscaldamento e di ventilazione sono integrati nello schermo a sfioramento verticale montato centralmente, dal quale viene gestito anche l’impianto audio Meridian a quattro diffusori. Il sistema di condizionamento è stato invece eliminato, sebbene possa essere montato senza costi aggiuntivi, con un aumento del peso di 16 kg.

LA McLAREN 675LT SPIDER: IN DETTAGLIO

Come la sua omonima, che debuttò nella stagione 1997 del campionato GT, la 675LT è il modello della Super Series di McLaren che più si avvicina alle prestazioni da circuito, con un rapporto potenza/peso che eclissa tutte le rivali affermate. Incarnando l’ethos della McLaren F1 GTR ‘Longtail’, questa super car punta su cinque principali caratteristiche che sono sinonimo dello stemma LT: peso ridotto, caratteristiche aerodinamiche ottimizzate, maggiore potenza, prestazioni dinamiche da gara e coinvolgimento estremo del guidatore.

PESO RIDOTTO

  • Modificato un terzo delle parti rispetto alla 650S, alla quale si affianca nella McLaren Super Series
  • Il motore M838TL, notevolmente potenziato nella 675LT, vanta oltre il 50% di componenti nuovi
  • Ampio uso di fibra di carbonio per i pannelli della carrozzeria
  • Cerchi Ultra Lightweight- i più leggeri mai offerti da McLaren

La riduzione del peso complessivo è stato uno degli aspetti cui è stata data maggiore attenzione durante l’intero programma di sviluppo della 675LT e il risultato, con un breve cenno alla ‘sorella maggiore’, è un risparmio ponderale di oltre 100 kg rispetto altri modelli della Super Series, il che ricalca la riduzione di peso ottenuta sulla

McLaren F1 GTR ‘Longtail’ del 1997 rispetto ai suoi predecessori di grande successo nonostante le modifiche della carrozzeria. Sulla 675LT Spider questo alleggerimento è dovuto a un ampio uso di fibra di carbonio per i pannelli della carrozzeria, oltre che all’impiego di materiali ultra-leggeri per il motore, il telaio e le parti strutturali della carrozzeria.

Oltre che con l’impiego della fibra di carbonio, la riduzione del peso è stata ottenuta grazie all’introduzione di materiali leggeri per la realizzazione del motore, del telaio e di parti della carrozzeria. Fra le principali aree di riduzione ponderale figurano:

-pannelli della carrozzeria – 35 percento

-telaio – 30 percento

sistema di propulsione – 10 percento

-interni – 20 percento

-impianto elettrico – 5 percento

DESIGN

Come per tutti i modelli a marchio McLaren, anche il profilo della 675LT ha alla base una logica ingegneristica. Ogni dettaglio stilistico è realizzato per un motivo preciso, la forma di un elemento è sempre subordinata alla sua funzione. L’obiettivo perseguito nella progettazione del profilo della 675LT era quello di potenziare le prestazioni aerodinamiche e, in particolare, di migliorare la deportanza e soddisfare le esigenze di maggiore raffreddamento del motore più potente.

‘Naturalmente era nostra intenzione realizzare un’automobile di una bellezza sorprendente,’ spiega Dan Parry-Williams, Responsabile Progettazione e Sviluppo Ingegneristico dei Veicoli. ‘Ma la bellezza è il risultato dei rigorosi obiettivi tecnici che ci siamo posti. Si potrebbe definire la 675LT una scultura d’ingegneria.’

Il materiale caratteristico delle vetture McLaren è la fibra di carbonio, che la Casa ha introdotto in Formula 1 con la MP4/1 nel 1981, lanciando poi la McLaren F1 come prima auto da strada completamente in fibra di carbonio nel 1992. La 675LT ha una percentuale di carbonio più elevata rispetto a qualsiasi altra vettura in questo settore. Come per la McLaren P1™, i pannelli in fibra di carbonio sono stati sottoposti a un processo di laminatura ottimizzata per massimizzarne la robustezza e ridurne il peso.

Sulla nuova 675LT la fibra di carbonio è stata ampiamente utilizzata anche per i pannelli della carrozzeria, che sono più leggeri di quelli realizzati in alluminio o in altri materiali compositi, oltre che molto più robusti. Progettata con l’intento di ottenere una riduzione del peso complessivo e un’ottimizzazione delle caratteristiche aerodinamiche, la 675LT Spider monta una serie di nuovi pannelli ancora maggiore che nei modelli Super Series, tutti prodotti in fibra di carbonio, che insieme hanno consentito una riduzione ponderale di 35 kg rispetto a parti simili realizzate in alluminio o in materiale composito:

-paraurti anteriore, inclusi il prominente splitter anteriore e le piastre terminali in stile Formula 1™

-sottoscocca anteriore

minigonne laterali

-prese d’aria laterali

-pannello inferiore della fiancata posteriore

-passaruota posteriori

-pianale posteriore

-paraurti posteriore

-diffusore posteriore

-Airbrake attivo in coda

Come nel caso della 650S, alla quale si affianca nella Super Series, la 675LT offre un’eccezionale visibilità anteriore, con una cappottatura molto bassa e i punti più alti delle ali anteriori che si trovano proprio sopra il centro delle ruote. Questo semplice accorgimento stilistico garantisce una postura ottimale della vettura quando si trova in pista. Pur utilizzando per la “glasshouse” lo stesso profilo di base comune agli altri modelli della Super Series, il parabrezza è più sottile di 1mm, con un risparmio di 3 Kg, anche il coperchio del propulsore realizzato in policarbonato ecaratterizzato dalle classiche ferritoie consente di “salvare” 3Kg.

Molti dei nuovi pannelli della carrozzeria sono rifiniti come standard in fibra di carbonio verniciata, ad inclusione del prominente splitter anteriore e delle minigonne laterali. Altri pannelli possono essere ordinati con finitura opzionale in carbonio, fra questi sono compresi il paraurti posteriore, le piastre terminali della sezione frontale, gli involucri degli specchietti laterali e le prese d’aria laterali.

CARATTERISTICHE AERODINAMICHE OTTIMIZZATE

  • Splitter anteriore in fibra di carbonio dal profilo aggressivo, piastre terminali frontali in stile Formula 1™ e una sezione posteriore completamente ridisegnata ottimizzano le caratteristiche aerodinamiche per incrementare la forza deportante del 40%
  • La carreggiata allargata di 20 mm migliora l’aderenza e l’agilità della vettura, mentre l’efficacia del diffusore posteriore risulta incrementata dal maggiore angolo d’inclinazione
  • L’Airbrake attivo della ‘Longtail’ ha dimensioni maggiorate del 50% rispetto agli altri modelli della Super Series e genera una deportanza maggiore pur pesando di meno.

Il profilo aerodinamico della 675LT è stato studiato in modo tale da garantire livelli ottimali di deportanza e raffreddamento, convogliando il flusso d’aria nel modo più efficiente ed efficace possibile attraverso, sotto e lungo l’intera carrozzeria. La caratteristica e aggressiva sezione frontale a ‘muso di squalo’ è stata disegnata con l’obiettivo di incanalare l’aria più specificamente verso il cofano, così che vi scorra sopra e attraverso fino a raggiungere le prese d’aria collocate più in basso. Le minigonne laterali seguono elegantemente la linea dello splitter maggiorato, convogliando l’aria verso la presa di aspirazione laterale inferiore e contribuendo così a migliorare il raffreddamento.

Sono stati realizzati nuovi pannelli della carrozzeria in fibra di carbonio per creare una vettura più robusta, più leggera e stilisticamente più sensazionale. Sotto il paraurti anteriore di nuova concezione è stato collocato un prominente splitter in fibra di carbonio - con dimensioni dell’80% maggiori rispetto agli altri modelli della Super Series - che convoglia l’aria in modo più efficiente e, integrando l’azione delle rinnovate piastre terminali delle ali anteriori in stile Formula 1™, aumenta i livelli di deportanza nella sezione anteriore della carrozzeria. Questi accorgimenti stilistici contribuiscono a migliorare la sterzata in curva e la precisione dello sterzo. Il flusso d’aria turbolento proveniente dai passaruota anteriori viene ‘ripulito’ man mano che si sposta verso la sezione posteriore dell’auto grazie all’azione di soglie laterali scolpite in fibra di carbonio che corrono lungo l’intera lunghezza della parte inferiore della carrozzeria. Una seconda presa d’aria integrata collocata più in basso, inserita di recente, precede il bordo anteriore del passaruota posteriore, proprio sotto una presa d’aria laterale più pronunciata posta dietro la portiera, ed entrambe immettono aria fredda pulita nei radiatori montati lateralmente.

Il super-efficiente motore V8 biturbo da 3.8 litri, in grado di erogare 675 CV (666 CV brit.) di potenza, invariato dalla 675LT Coupé, è raffreddato da prese d’aria sovradimensionate rispetto a quelle degli altri modelli della Super Series Tuttavia, per evitare di scendere a compromessi sul peso, la dimensione dei radiatori non è stata incrementata. Per poter ottenere questo, è stata invece aumentata l’angolazione, da 15 a 19 gradi, così da offrire una soluzione più efficiente.

Rispetto agli altri modelli della Super Series, sulla 675LT è stata allargata di 20 mm la carreggiata anteriore e posteriore, migliorando così l’aderenza e l’agilità dell’auto,

mentre l’altezza da terra della sezione anteriore è stata ridotta di 20 mm rispetto alla 650S, incrementando così l’angolo di inclinazione. La posizione ribassata e la maggiore inclinazione della vettura contribuiscono a far scorrere più velocemente l’aria sotto la

675LT Spider, che poi viene espulsa con maggiore efficienza dal posteriore. Ciò aumenta l’efficacia del diffusore posteriore, che schiaccia a terra la vettura. Inoltre, poiché l’aria scorre velocemente sotto la carrozzeria e fuoriesce ancora più velocemente sul retro dell’auto, il punto di pressione viene spostato in avanti e aumenta quindi la deportanza nella sezione anteriore della vettura.

Tutti i pannelli della carrozzeria, dal montante ‘B’ verso la sezione posteriore dell’auto, sono stati sviluppati in esclusiva per la 675LT; sono quindi nuovi i passaruota posteriori, incluse le sezioni laterali inferiori della carrozzeria, l’intero pianale posteriore, il paraurti posteriore, il diffusore posteriore maggiorato e l’Airbrake attivo condiviso con 675LT Spider. Ogni pannello ridisegnato ha contribuito a ridurre il peso complessivo e a ottimizzare le caratteristiche aerodinamiche dell’auto. La sezione posteriore della vettura, come quella frontale, ha un profilo più aggressivo e determinato e gestisce ora in modo più efficace il flusso dell’aria. I nuovi pannelli posteriori in fibra di carbonio sono più leggeri rispetto a pannelli equivalenti in materiale composito o alluminio e garantiscono una maggiore rigidità strutturale, un aspetto importante visto che devono fare i conti con livelli di deportanza notevolmente più elevati.

Il pianale posteriore e le sezioni a fianco dei tubi di scarico restano esposti, in quanto progettati per lasciare defluire l’aria calda dal vano motore nel modo più efficiente possibile. Le griglie a maglia aperta poste attorno ai caratteristici gruppi ottici posteriori, sul pianale posteriore e nella sezione inferiore del paraurti favoriscono un’efficiente espulsione dell’aria calda. Spiega il responsabile del Design, Frank Stephenson: ‘Gli elementi stilistici della 675LT sono decisamente estremi, a inclusione delle griglie di areazione sul retro che ricordano quelle di un bolide da corsa. E’ tuttavia importante ricordare che ogni singolo elemento ha una sua ragion d’essere e che l’intero concetto costruttivo è volto a ottimizzare il raffreddamento e a favorire l’espulsione di aria calda dal motore e da quei terminali di scarico dal profilo esagerato.’

Sul lunotto posteriore in policarbonato ultra-leggero sono presenti ulteriori feritoie di ventilazione, mentre un paraurti posteriore in fibra di carbonio con prese d’aria contribuisce a ridurre la pressione dell’aria sulle ruote posteriori. Il profilo della sezione

di coda è completato da uno spettacolare diffusore integrato in fibra di carbonio.

L’AIRBREAK ATTIVO DELLA “LONGTAIL”

Come gli altri modelli della Super Series di McLaren, la 675LT Spider è dotata di un Airbrake attivo posteriore che contribuisce ad aumentare la deportanza e a ottimizzare le prestazioni dell’impianto di frenata. Come nel caso dell’omonima McLaren F1, l’Airbrake della ‘Longtail’ è più grande rispetto ai modelli precedenti, avendo dimensioni maggiorate del 50% rispetto agli altri modelli della Super Series. Il suo profilo ridisegnato confluisce nelle linee dei nuovi alettoni posteriori in fibra di carbonio. Sebbene più grande, rimane tuttavia più leggero grazie alla sua struttura in fibra di carbonio.

Nelle modalità di guida ‘Sport’ e ‘Track’, l’Airbrake in coda alla ‘Longtail’ opera con un livello di funzionalità più elevato garantendo maggiore stabilità e attivandosi ogni qualvolta la vettura abbia la necessità di deportanza supplementare, come ad esempio in fase di decelerazione o quando si affronta un percorso in salita a velocità sostenuta, piuttosto che semplicemente durante una frenata o quando si opta per la modalità di guida manuale ‘Aero’. Su un rettilineo, quando l’auto è in rapida accelerazione, l’Airbrake della ‘Longtail’ si abbassa automaticamente per ridurre al minimo la resistenza aerodinamica, come nel caso della funzione DRS in Formula 1™.

STRUTTURA DEL TELAIO

Nonostante l’esclusività del marchio e i volumi di produzione relativamente ridotti,

McLaren costruisce più auto omologate da strada con telaio interamente in fibra di carbonio di qualsiasi altra casa automobilistica. Il cuore della 675LT è costituito dal telaio monoscocca MonoCell in fibra di carbonio ultra-leggera ispirato alla Formula 1™. Questo telaio incredibilmente resistente pesa soltanto 75kg, eppure è più rigido del 25% rispetto a un telaio di alluminio comparabile e vanta un margine ancor più ampio di superiorità rispetto all’acciaio. Risulta più robusto e più sicuro in caso di incidente e non necessita di controventature o barre di rinforzo supplementari, come le barre laterali antintrusione. La fibra di carbonio è infatti dotata di abbastanza resistenza intrinseca da non richiedere barre di sicurezza aggiuntive. E’ inoltre più duraturo di un telaio in metallo, e la sua maggiore precisione dimensionale ne migliora la qualità costruttiva.

Questo telaio offre anche dei vantaggi in quanto semplice da riparare. Le parti in

alluminio fuso ed estruso nella sezione anteriore e posteriore sono state concepite per assorbire gli impatti e sono facilmente riparabili. Le automobili con telaio interamente in alluminio o in acciaio utilizzano le loro strutture deformabili per assorbire gli impatti, causando più danni all’intera struttura della vettura e più costi di riparazione. Per consentire il montaggio dei componenti delle sospensioni derivate dalla McLaren P1™ e della barra paraurti ultra-leggera è stato necessario modificare i telaietti anteriore e posteriore della 675LT Spider rispetto ad atri modelli della Super Series.

INCREMENTO DI POTENZA

Il motore M838TL, notevolmente potenziato nella 675LT, vanta oltre il 50% di componenti nuovi

Potenza erogata di 675 CV (666 CV brit.) a 7.100 giri e coppia massima pari a 700 Nm (516 piedi/lb) a 5.500-6.500 giri

L’impiego di materiali ultra-leggeri e le migliorie al sistema di propulsione contribuiscono a ridurre il peso complessivo di 6 kg, con un’ulteriore riduzione di 1,1 kg dovuta all’esclusivo scarico crossover in titanio

I nuovi turbocompressori massimizzano il flusso d’aria e migliorano la risposta dell’acceleratore

Il motore V8 biturbo 3.8 litri, della 675LT Spider resta invariato rispetto alla versione Coupè, con più del 50% dei componenti nuovi e unici per questi modelli sono in grado di erogare livelli più elevati di potenza, coppia e maneggevolezza. Gli interventi di ottimizzazione includono unità turbo più efficienti, modifiche di alcuni dettagli di progettazione delle teste dei cilindri e dei collettori di scarico, un nuovo albero a camme e bielle ultra-leggere, oltre che una pompa e un sistema di erogazione del carburante a flusso più rapido. Si tratta di modifiche così significative da giustificare l’attribuzione di un nuovo codice esclusivo a questo motore, ovvero M838TL. Questo propulsore di peso ridotto e a bassa inerzia eroga, come suggerito dal nome stesso, una potenza di 675 CV con un rapporto potenza/peso pari a 532 CV per tonnellata.

CATENA CINEMATICA

Il motore della 675LT è stato modificato per migliorarne ulteriormente l’elasticità e la linearità nell’erogazione di potenza. La risposta dell’acceleratore è stata ottimizzata grazie all’introduzione di nuovi componenti del sistema di propulsione che includono bielle e alberi a camme più leggeri. E’ stata realizzata una riduzione di peso anche

attraverso l’utilizzo di dispositivi di raffreddamento dell’aria di sovralimentazione più efficienti e di dimensioni ridotte, in grado di consentire un risparmio ulteriore del peso.

Come nel caso del pluripremiato motore della 650S, l’M838TL è uno dei motori ad alte prestazioni più leggeri e più efficienti oggi in produzione. La tecnologia e il know-how derivati dalla Formula 1™ che lo caratterizzano includono la lubrificazione a carter secco, che consente di raggiungere velocità più elevate in curva senza fuoriuscita di olio, e un albero motore piatto, che consente al motore di essere collocato molto in basso nel telaio, abbassando così il baricentro e migliorando la maneggevolezza e la risposta della vettura.

Nuovi anche i due turbocompressori che equipaggiano il propulsore M838TL e, sebbene siano di dimensioni uguali a quelli montati sugli altri modelli della Super Series, risultano più efficienti in quanto dotati di un girante del compressore ricavato dal pieno – invece che ottenuto con fusione – che sfrutta al meglio il flusso dell’aria nelle camere di combustione. I nuovi turbocompressori immettono meno calore nell’aria di sovralimentazione prima che questa raggiunga i dispositivi di raffreddamento e le camere di combustione, il che migliora a sua volta l’efficienza dei consumi e dell’alimentazione.

Inoltre, i turbocompressori sono ora dotati di valvole Wastegate di ricircolo gas elettroniche invece che pneumatiche. Queste valvole riducono la pressione del turbo quando si rilascia l’acceleratore. Il sistema elettronico trasmette una sensazione di ritardo più immediata, migliorando la risposta della farfalla. Un maggiore flusso di aria nelle camere di combustione migliora le prestazioni e il flusso del carburante risulta maggiore grazie alla nuova pompa di alimentazione. Un nuovo collettore di scarico convoglia l’aria più velocemente fuori dalle camere di combustione, migliorando l’erogazione di potenza e la risposta dell’acceleratore.

Nonostante la potenza e la coppia motrice più elevate che sviluppa, la 675LT vanta consumi pari a 24,2 miglia per gallone sul ciclo misto europeo, mentre le emissioni allo scarico sono uguali a quelle degli altri modelli della Super Series, ovvero 275g/km.

Ben visibile sotto un coperchio ultra-leggero in policarbonato, la linea del motore della 675LT Spider è accentuata da un plenum e da pannelli del vano motore in fibra di

carbonio satinata. Fanno parte della dotazione standard anche gli esclusivi tappi del serbatoio dell’olio e del refrigerante in lega lavorata.

The 675LT Spider è il più recente modello di vettura da strada a marchio McLaren per cui è stato scelto il lubrificante Mobil 1 New Life™ 0W-40. Questo lubrificante per motori altamente tecnologico è caratterizzato da un mix ottimale di oli a base sintetica studiato per rispondere al meglio alle sollecitazioni dei motori dalle prestazioni elevate. La formula avanzata del prodotto contiene additivi sviluppati specificamente per garantire una migliore protezione del motore evitando gli accumuli nelle aree critiche e garantendo quindi che i propulsori McLaren funzionino come se fossero nuovi anche dopo aver percorso migliaia di chilometri, persino nelle condizioni di guida più estreme.

IMPIANTO DI SCARICO AGGIORNATO

L’impianto di scarico è stato sviluppato della 675LT Spider con l’obiettivo di migliorare il flusso d’aria e ottimizzare il rombo del motore. L’impianto include un nuovo silenziatore crossover che permette di avere una lunghezza maggiore, migliorando così il volume del flusso dei gas di scarico per ottenere un rombo più potente e definito. Due terminali di scarico in titanio forgiato di forma circolare fuoriescono centralmente dalla carrozzeria sotto l’alettone posteriore. Nonostante la struttura più complessa, il nuovo impianto crossover è stato concepito con l’obiettivo di ottimizzare le prestazioni e ridurre il peso, risparmiando 1,1 kg.

‘Una delle priorità era aumentare il piacere di guida, non soltanto quando l’auto viene utilizzata al 100%, ma a tutti i livelli del pacchetto prestazionale della vettura, su strada così come in pista,’ spiega Mark Vinnels, Executive Director – Sviluppo di Prodotto. ‘Era essenziale creare un collegamento immediato e lineare fra il pedale dell’acceleratore e l’erogazione della coppia motrice.’

TRASMISSIONE

La 675LT utilizza la trasmissione SSG a sette velocità comune agli altri modelli della Super Series, mantenendo le modalità di guida Normal, Sport o Track. Questi assetti sono stati ricalibrati per offrire prestazioni più sollecite, infatti sono stati ottimizzati la risposta dell’acceleratore e i cambi-marcia, che risultano due volte più rapidi rispetto a prima. La nuova tecnologia Ignition Cut, mutuata dalla Formula 1™, prevede un’interruzione momentanea della scintilla di accensione del carburante al momento

della cambiata. Ciò consente un cambio-marcia rapidissimo, accompagnato da un effetto aurale inconfondibile nel passaggio a una marcia superiore o inferiore.

Per garantire prestazioni ottimali, la 675LT ricorre all’innovativa tecnologia Inertia Push, sperimentata per la prima volta sulla 650S. Utilizzabile quando si è in modalità Track – sopra i 5.000 giri e a partire da una sollecitazione dell’acceleratore del 60% –, la tecnologia Inertia Push sfrutta l’energia cinetica accumulata per inviare un impulso di coppia quando viene inserita la marcia successiva, garantendo che non vi siano cali prestazionali quando il guidatore passa da una marcia all’altra.

Comune a tutti i modelli nella gamma di McLaren Automotive, la trasmissione a doppia frizione è in grado di funzionare in modalità totalmente automatica, semi-automatica o interamente manuale. I cambi-marcia manuali vengono effettuati utilizzando i comandi a bilanciere in fibra di carbonio montati sul volante, simili a quelli della McLaren P1™’.

Il sistema di trazione della 675LT Spider è stato sviluppato con particolare attenzione all’interazione fra la valvola a farfalla, il motore e il cambio. Grazie a una taratura apposita è stato possibile ottenere un’accelerazione fluida e progressiva.

TARATURA OTTIMIZZATA DELL’ESC

Ha fatto il suo debutto sulla versione Coupè, ed oggi troviamo nelle caratteristiche della 675LT Spider il nuovo sistema Electronic Stability Control (ESC) (Controllo Elettronico della Stabilità) che include la modalità Dynamic, in grado di offrire al guidatore un livello ancora più elevato di controllo delle sollecitazioni dell’acceleratore e del freno. Un apposito tasto ESC consente di disattivare completamente questa funzione di sicurezza. L’opzione è disponibile nelle modalità di guida Sport e Track. Il sistema offre inoltre un livello di attivazione che riduce il supporto elettronico e consente angoli di deriva maggiori. Questa novità è stata introdotta per consentire una guida su circuito sicura, ma al tempo stesso veloce e coinvolgente. La modalità Track consente angoli di deriva maggiori rispetto all’opzione Sport. Azionando una sola volta il tasto ESC è possibile attivare questo livello ridotto di controllo elettronico.

Brake Steer è un’altra tecnologia che accentua le capacità e l’agilità della McLaren 675LT Spider. Sviluppata inizialmente da McLaren per la Formula 1™ e introdotta nel corso della stagione 1997, questa tecnologia venne subito vietata poichè si riteneva

offrisse un vantaggio competitivo. Il sistema offre un ausilio in curva poiché porta il muso della vettura verso l’apice della curva applicando forza frenante sulla ruota posteriore che si trova sul lato interno, consentendo così al guidatore di frenare più tardi e di dare potenza prima. Questa tecnologia offre gli stessi vantaggi di un differenziale

‘torque vectoring’, ma poiché utilizza gli stessi componenti del sistema ESC è in grado di ridurre il sottosterzo e può contribuire a migliorare i tempi di giro e la precisione di guida.

CARATTERISTICHE DINAMICHE ORIENTATE ALLE PRESTAZIONI DA CIRCUITO

La maggiore rigidità delle molle anteriori e posteriori garantisce una risposta più precisa

L’abbinamento di cerchi ultra-light e pneumatici Pirelli P Zero™ Trofeo R di nuova concezione è il più leggero mai proposto da McLaren

Come tutti i modelli della Super Series, la 675LT prevede tre tipologie di settaggio delle sospensioni: Normal, Sport e Track. La sportività di tutte e tre le tarature è stata ri- calibrata al fine di garantire risposte più precise e un comportamento su strada più in sintonia con il guidatore, come spiega il Pilota Collaudatore Capo, Chris Goodwin:

‘Abbiamo migliorato la resistenza al rollio, lo smorzamento e il beccheggio e il risultato è una vettura leggermente più ‘nervosa’, più schietta e un po’ più ruvida – ed è quello che ci proponevamo. Ma il bello del sistema ProActive Chassis Control, quando viene abbinato al nostro rivoluzionario telaio MonoCell in fibra di carbonio, è che ci si rende conto che la raffinatezza e il confort di marcia non sono stati eccessivamente sacrificati. L’auto è assolutamente adatta per fare un viaggio in auto da Londra a Spa-

Francorchamps e ritorno per partecipare a un track day.’

SOSPENSIONI

Come sulla 675LT Coupé, la 675LT Spider monta le più rigide della Super Series, come ci si aspetterebbe da un modello con prestazioni da circuito. Un incremento del 27% sull’anteriore e del 63% sul posteriore migliora il controllo della carrozzeria e la precisione della risposta, consentendo un aumento della deportanza pari al 40% generato dalle modifiche alla carrozzeria e dai sistemi aerodinamici attivi. Ciò viene abbinato a una cremagliera dello sterzo più veloce per offrire al guidatore un’esperienza più estrema e coinvolgente. ‘Questa è un’auto più avvincente, e più viva,’ aggiunge

Haydn Baker, Responsabile della Linea Veicoli. ‘Chi è al volante si sente davvero connesso con la vettura.’

Il sistema delle sospensioni include anche montanti e bracci oscillanti derivati dalla

McLaren P1™ che fanno risparmiare ulteriore peso e allargano la carreggiata di 20 mm rispetto alla 650S. Questa geometria delle sospensioni di recente sviluppo deriva dalla

Formula 1™, come spiega Carlo della Casa, Direttore dell’Area Ingegneristica. ‘La nostra intenzione era quella di replicare un po’ della teatralità dinamica della McLaren P1™. I montanti, i mozzi, l’angolo d’incidenza, l’angolo di inclinazione trasversale e la convergenza positiva e negativa sono tutti elementi che contribuiscono a una geometria estrema focalizzata sul guidatore. Per molti aspetti l’auto dà la sensazione di essere un bolide da gara ed è stata concepita con una logica ingegneristica da circuito.’

SOSPENSIONI PCC (PROACTIVE CHASSIS CONTROL)

La 675LT monta l’ultima generazione del sistema di sospensioni ProActive Chassis

Control, con una taratura esclusiva che garantisce l’assetto di guida in assoluto più coinvolgente e più simile a quello da competizione. Questo sistema pionieristico, che include lo smorzamento attivo, è stato introdotto per la prima volta sul primo dei moderni modelli McLaren, la 12C, e da allora è stato ulteriormente sviluppato e aggiornato con ogni nuovo modello della Super Series per consentire maggiori livelli di raffinatezza o di reattività, a seconda della modalità selezionata.

Gli ammortizzatori sono collegati idraulicamente e connessi a un accumulatore riempito con gas, e forniscono risposte che si adattano alle condizioni stradali e alle preferenze del guidatore. Ciò consente un controllo preciso del rollio in curva, disaccoppiando invece le sospensioni nei tratti rettilinei per un’eccellente articolazione e cedevolezza delle ruote. Questo sistema elimina l’esigenza delle barre anti-rollio meccaniche di tipo convenzionale e di conseguenza contribuisce a ridurre il peso complessivo della vettura. La barra anti-rollio è un elemento essenziale di altre super car e vetture granturismo ed è uno dei motivi per cui su queste macchine il confort di guida è tradizionalmente carente, soprattutto alle basse velocità.

TELAIO

Come nelle auto di Formula 1™, su tutti e quattro i lati della 675LT Spider vengono utilizzate sospensioni a braccio oscillante, connesse al rivoluzionario telaio MonoCell in

fibra di carbonio – il pianale perfetto per assicurare un comportamento prevedibile delle sospensioni, grazie alla sua rigidità e alla precisione della sua esecuzione.

Il telaio monoscocca MonoCell in fibra di carbonio è il cuore di ognuno dei modelli della

Super Series. Questo telaio ispirato alla Formula 1™ è più rigido del 25% rispetto a un telaio di alluminio comparabile e vanta un margine ancor più ampio di superiorità rispetto all’acciaio. Risulta più robusto e più sicuro in caso di incidente, fungendo da capsula di sicurezza come avviene in Formula 1™. Pesa soltanto 75 kg e risulta quindi molto più leggero dei telai in metallo utilizzati dalla maggior parte dei concorrenti. E’ inoltre più duraturo di un telaio in metallo, e la sua maggiore precisione dimensionale migliora la qualità costruttiva e la prevedibilità delle sue prestazioni.

CERCHI E PNEUMATICI

Tre sono le tipologie di esclusivi cerchi in lega forgiati proposte per la 675LT, abbinate esclusivamente a pneumatici appositamente sviluppati con il partner tecnico Pirelli per il modello più potente della Super Series. La dotazione standard prevede cerchi forgiati in lega ultra-leggera a 10 razze di nuova concezione, con finitura argento o con finitura a effetto mimetico su ordinazione. Questo tipo di cerchione è il più leggero mai proposto da McLaren, tanto che risulta più leggero persino dei cerchi montati sulla McLaren P1™. Disponibili come optional un nuovo modello a 5 razze, ancora una volta proposto con finitura argento, ed in esclusiva come optional per la 675LT Spider, un cerchio a 20 razze ultra leggero con finitura in argento brillante (liquid metal).In tutti i casi, la dimensione dei cerchi è di 19” x 8,5” sul davanti e 20” x 11” dietro.

Gli pneumatici sono stati realizzati in esclusiva per la 675LT Spider e sviluppati da McLaren insieme al partner tecnico Pirelli proprio per rispondere alle esigenze specifiche in fatto di manovrabilità legate a questa vettura. Fanno dunque parte della dotazione standard gli pneumatici ad alte prestazioni Pirelli P Zero™ Trofeo R, che si distinguono per una struttura interna più rigida – che garantisce una risposta maggiore

– e per un’aderenza superiore del 6% a quella dei validissimi Pirelli P Zero™ Corsa, ampiamente utilizzati sulle vetture ad elevatissime prestazioni. Per coloro che prevedono un utilizzo limitato della vettura su pista o che intendono guidarla in climi più freddi o più piovosi sono disponibili, senza costi aggiuntivi, gli pneumatici Pirelli P

Zero™.

COINVOLGIMENTO DEL GUIDATORE

Una strategia di controllo del motore avanzata e di nuova concezione ottimizza la risposta della vettura

L’abitacolo focalizzato sulle esigenze del guidatore è rivestito in Alcantara® ultra-leggera. L’uso di moquette e materiali fono-assorbenti è limitato all’interno dell’abitacolo, sempre in un’ottica di riduzione del peso

Gli allestimenti esclusivi ‘By McLaren’ debuttano con la 675LT proponendo cinque versioni di colore personalizzate accuratamente studiate

Con una riduzione di peso di 100kg rispetto alla 650S Spider, con un peso complessivo di 1,270kg (2,800lb) nella 657LT Spider vengono concentrate tutte le migliori caratteristiche dei prodotti McLaren contemporanei, ottime doti di velocità, ed elevato piacere di guida per una vettura a cielo aperto.

Il peso inferiore va a vantaggio dell’agilità, della maneggevolezza, dell’accelerazione e della risposta, mentre un profilo e accorgimenti stilistici mirati a migliorare l’efficienza aerodinamica della vettura incrementano i livelli di deportanza nella sezione anteriore e posteriore. Questa ottimizzazione migliora la precisione dello sterzo, la sterzata in curva e l’equilibrio aerodinamico alle alte velocità.

Una potenza erogata di 675 CV (666 CV brit.) e 700Nm (516 piedi/lb) di coppia motrice garantiscono una risposta dell’acceleratore e un coinvolgimento ai massimi livelli durante la guida. La potenza e la coppia maggiorate migliorano la risposta dell’acceleratore e aumentano l’emozione durate la guida, mentre la ri-mappatura della strategia di controllo per il motore e per la trasmissione contribuisce a sua volta a rendere più precise le risposte e a ottimizzare la sensazione di collegamento fra il pedale dell’acceleratore e le ruote azionate, senza effetti avversi sulle emissioni di CO2.

Con un rapporto peso/potenza che si attesta come il più elevato nella sua classe di appartenenza, la 675LT Spider offre prestazioni estreme sia in accelerazione sia in termini di tempi di giro su circuito. Ma questa vettura è fatta di emozione tanto quanto di modifiche ben calibrate. La 675LT Spider offre numerosissimi esempi di modifiche dettagliate apportate con l’obiettivo di intensificare ulteriormente il piacere di guida.

Queste risultano evidenti dal sistema di propulsione, dall’architettura del telaio e all’interno dell’abitacolo.

PROPULSORE

‘Garantire un’esperienza di guida avvincente era una priorità assoluta,’ racconta Dan Parry-Williams, Responsabile Progettazione e Ingegnerizzazione Veicoli. ‘Sin dall’inizio ci siamo concentrati sull’esperienza di guida e quindi su come volevamo regolare i feedback sensoriali cui il guidatore reagisce e si affida. Questi includono il rombo del motore, la risposta dell’acceleratore, la cambiata, la frenata e lo sterzo. L’obiettivo era far sentire il guidatore assolutamente connesso con la vettura e rendere l’intera esperienza più esaltante possibile.’

L’interazione è ottimizzata dalla tecnologia Ignition Cut durante i cambi-marcia.

Interrompendo la scintilla di accensione, piuttosto che l’erogazione di carburante, le cambiate risultano più veloci e sono accompagnate da un rombo inconfondibile che si genera quando il carburante incombusto viene a contatto con la nuova scintilla e si infiamma.

Una strategia di controllo per il motore avanzata e di nuova concezione ottimizza la reattività della vettura, rendendo ancora più armoniosa l’integrazione fra acceleratore, propulsore e cambio e consentendo un comportamento di guida superbamente intuitivo. Uno degli obiettivi principali, come sottolinea Davide Bizzari, Responsabile Controllo Propulsore era quello di ‘eliminare qualsiasi sensazione di corsa a vuoto’ dal pedale dell’acceleratore, così che ogni sollecitazione, persino la minima, avesse un effetto. ‘Il fatto che vi sia un collegamento ottimale dal pedale dell’acceleratore all’erogazione di coppia motrice è fondamentale per un’eccellente guidabilità,’ spiega Bizzari.

Il coinvolgimento del guidatore e la connessione fra chi guida, il motore e la strada viene ulteriormente accentuato dall’uso di componenti più leggeri interni al motore che eliminano massa e inerzia all’interno del sistema di trazione.

PRESTAZIONI DINAMICHE

Con la sua vocazione chiaramente rivolta all’attività su circuito, pur restando una vettura utilizzabile su strada la 675LT Spider vanta lo sterzo più preciso e reattivo di qualsiasi altro modello della Super Series. La sua nuova cremagliera, monatata per la prima volta sulla 675LT Coupè è la più veloce fra quelle fino ad oggi montate su un modello McLaren ed è abbinata a una speciale taratura delle sospensioni, che includono montanti e bracci oscillanti derivati dalla McLaren P1™. I nuovi pneumatici Pirelli P

Zero™ Trofeo R sviluppati specificamente per questo modello garantiscono un’aderenza superiore del 6% a quella dei validissimi P Zero™ Corsa, migliorata da una struttura più rigida.

A sottolineare l’intento prestazionale della 675LT Spider, fanno parte della dotazione standard dischi dei freni carbo-ceramici da 394mm sulle ruote anteriori e 380mm su quelle posteriori. La modulazione del pedale del freno è stata migliorata prendendo spunto dai sistemi estremamente efficienti della McLaren P1™ e della 650S, così da creare una sensazione di fiducia nella vettura. Le prestazioni dell’impianto frenante, supportato dall’Airbrake attivo in coda alla ‘Longtail’ e dai livelli superiori di deportanza, consentono alla 675LT Spider di arrestarsi in soli 30,2 metri, o 3.0 secondi, da una velocità di 100 km/h (62 miglia orarie). Supporti del motore calibrati e più rigidi contribuiscono a migliorare ulteriormente le prestazioni dinamiche attraverso lo sterzo e l’acceleratore.

‘L’intera esperienza di guida è stata migliorata e portata a un livello nuovo,’ commenta Dan Parry-Williams. ‘Ci si rende conto immediatamente, dal momento in cui ci si siede al volante, delle prestazioni extra e del maggiore coinvolgimento garantito da questa vettura.’

Chris Goodwin, Pilota Collaudatore Capo, aggiunge: ‘Con la 675LT Spider abbiamo portato la Super Series a un livello completamente diverso – perché noi possiamo. Risulta equilibrata su strada, ma assolutamente pronta per affrontare la pista. Una volta al volante si desidera soltanto continuare a guidare e a spingere sull’acceleratore.

Riducendo il peso complessivo e accentuando i feedback sensoriali per ogni punto di contatto siamo riusciti a portare a 11 il fattore emozionale. La risposta dell’acceleratore, la sensazione data dal pedale del freno e la sterzata in curva risultano semplicemente briose.’

INTERNI

L’abitacolo della 675LT Spider è stato progettato per offrire agli occupanti un ambiente accogliente, ben equipaggiato e confortevole. Totalmente focalizzato sul guidatore, caratterizzato da superfici sgombre e privo di elementi di distrazione - a differenza di molti bolidi da strada con vocazione da circuito -, l’abitacolo della 675LT conserva un livello elevato di dotazioni standard, sebbene sempre in un’ottica di risparmio sul peso.

L’uso di moquette e materiali fono-assorbenti è limitato nell’abitacolo al fine di evitare un peso eccessivo. I rivestimenti in Alcantara® ultra-leggera con impunture a contrasto in tutto l’abitacolo sono compresi nella dotazione standard e consentono di risparmiare complessivamente 3,5 kg rispetto alla pelle, sebbene siano anche disponibili interni completamente in Nappa senza costi aggiuntivi.

Due sedili da corsa in fibra di carbonio ultra-leggera, visti per la prima volta sulla

McLaren P1™, consentono un risparmio di 15 kg e garantiscono una migliore ‘connessione’ fra il guidatore e le caratteristiche della vettura, in parte grazie a sostegni laterali più profondi. Il nuovo terminale di scarico in titanio e il nuovo collettore di scarico fanno sì che il rombo del motore risulti più stimolante all’interno dell’abitacolo.

‘Volevamo che l’esperienza di guida risultasse più vivace e che parte del rombo del motore passasse attraverso la struttura dell’auto,’ spiega Haydn Baker, Responsabile della Linea Veicoli. ‘Questi supporti del motore più rigidi migliorano le cose su due fronti. Non solo enfatizzano la connessione fra la vettura e il guidatore, ma contribuiscono anche a migliorare la maneggevolezza e l’agilità dell’auto, riducendo al minimo l’eventuale “effetto pendolo” che si crea al cambio di direzione.’

L’impianto di riscaldamento e ventilazione (HVAC) viene ora gestito tramite lo schermo a sfioramento IRIS montato centralmente, invece che attraverso i comandi integrati nella portiera, per risparmiare peso. L’unità di condizionamento dell’aria è stata eliminata, con un risparmio di ben 16 kg, ma può essere richiesta senza costi aggiuntivi.

La fibra di carbonio è ampiamente utilizzata nell’abitacolo per l’impugnatura del volante, i comandi al volante di cambio-marcia, la parte inferiore della console centrale, il rivestimento dell’impianto HVAC, ecc., richiamando l’ultra-leggero telaio MonoCell. Tutte le parti a vista in fibra di carbonio hanno come standard una finitura satinata, invece che lucida.

SISTEMA DI INFOTAINMENT

Nonostante l’allestimento orientato all’uso in pista dell’abitacolo della 675LT Spider, il modello più estremo e coinvolgente della Super Series mantiene un livello elevato di equipaggiamenti che la differenzia dalle convenzionali auto da corsa ridotte all’essenziale. Le dotazioni standard includono il navigatore satellitare, la radio digitale 

DAB (radio satellitare SIRIUS in Nord America) e un impianto audio ultra-leggero a quattro diffusori a marchio Meridian. L’innovativo sistema di infotainment con schermo a sfioramento IRIS semplifica i comandi del veicolo, riducendo notevolmente il numero di tasti e levette presenti sul posto di guida. Come in tutti i modelli McLaren, lo schermo è impostato sulla modalità di visualizzazione verticale, invece che orizzontale, che risulta più intuitiva e porta il guidatore e il passeggero a stare più vicini, ottimizzando la distribuzione del peso.

UNIQUE ‘BY McLAREN’ 675LT SPIDER THEMES

I temi per gli interni ‘By McLaren’ introdotti per la prima volta con la 675LT Coupé, appresentano il top della gamma di allestimenti disponibili, sono disponibili anche per il modello Spider. Ciascun allestimento è stato attentamente sviluppato per abbinarsi alla tinta della carrozzeria tramite una selezione di tonalità consigliate per rivestimenti e inserti, impunture all’interno dell’abitacolo, cerchi e pinze dei freni.

La gamma risulta tuttavia ampliata per la 675LT Spider, con l’aggiunta di esclusive impunture a contrasto in tinta Xenon Yellow. Analogamente, l’intera gamma di tinte della carrozzeria proposta per la 675LT Coupé è disponibile per il modello Spider: include le nuove finiture Silica White, Delta Red, Napier Green e Chicane Grey. A ciò si aggiunge la nuova tonalità dorata Solis – nome che deriva dal termine latino che indica il sole – disponibile esclusivamente per la 675LT Spider con tetto apribile.

CLUB SPORT PROFESSIONAL PACK

Vi sono altri particolari che possono essere aggiunti alla 675LT Spider con il pacchetto

‘Club Sport Professional’, che comprende numerosi dettagli in fibra di carbonio a vista e a effetto mimetico. La fibra di carbonio viene utilizzata per i terminali dell’ala anteriore, per la presa d’aria laterale inferiore e la sezione centrale del paraurti posteriore, così come per le prese d’aria laterali, i passaruota, gli specchietti laterali. Esclusiva di questo pacchetto di equipaggiamenti è la finitura in fibra di carbonio dell’Airbrake attivo in coda alla ‘Longtail’, che contribuisce a enfatizzare ulteriormente la centralità di questo materiale per la 675LT.

Disponibili nei colori Titanium Silver, Storm Grey, Onyx Black e Chicane Grey, i cerchi ultra-leggeri a 10-raggi hanno una finitura a effetto mimetico, mentre per i terminali dell’ala anteriore, per la presa d’aria laterale inferiore e la sezione centrale del paraurti

posteriore, così come per le prese d’aria laterali, i passaruota, gli specchietti laterali e l’Airbrake in coda è prevista una finitura satinata in carbonio. I dettagli in tinta McLaren

Orange, presenti sia esternamente sia all’interno, vanno dalle pinze dei freni ai rivestimenti in pelle goffrata e alle impunture e tutti richiamano il colore originale reso famoso dalle auto guidate da Bruce McLaren nelle gare di Formula 1™ e della serie

Can-Am.

Pur mantenendo gran parte della vocazione da circuito e delle prestazioni della Coupé, la 675LT Spider non prevede il pacchetto opzionale ‘Club Sport’, che include anello di protezione in titanio, cinture a quattro punti ed estintore.

SISTEMA DI RILEVAZIONE TELEMETRIA IN PISTA MTT (McLAREN TRACK TELEMETRY)

La vocazione da circuito della 675LT Spider è evidenziata dal nuovo sistema di rilevazione della telemetria in pista MTT di McLaren, che è incluso nella dotazione standard e visualizza i dati sullo schermo IRIS. Il sistema fornisce informazioni in tempo reale, incluso i tempi di giro, i tempi intermedi, i risultati delta per giro e un confronto con le altre auto in pista. E’ anche disponibile un’analisi post-guida con funzione di mappatura della pista tramite GPS, rilevazione dei tempi di giro e registrazione dati con rappresentazione su diagramma della velocità del veicolo e dei delta per giro.

Come optional possono essere installate tre telecamere che operano congiuntamente al sistema di registrazione dei dati, riprendendo le immagini di ogni giro di pista per consentire un’analisi più approfondita. Due telecamere vengono montate nel paraurti anteriore e posteriore, mentre la terza è collocata nell’abitacolo, sopra la spalla del guidatore, rivolta in avanti.

ALTRE DOTAZIONI OPZIONALI

In aggiunta alle dotazioni standard, la 675LT Spider può essere equipaggiata con tutta una serie di optional. Per i sedili da gara in fibra di carbonio è possibile richiedere il rivestimento in Nappa, così come si può richiedere l’aggiunta di sedili sportivi regolabili elettricamente e riscaldati.

Numerose altre dotazioni di praticità sono disponibili come optional per la 675LT Spider, incluso un sistema di sollevamento del veicolo e un piantone dello sterzo regolabile

elettricamente. Questi optional possono essere richiesti singolarmente o in abbinamento ai sedili riscaldati e regolabili elettricamente, e con una funzione di memoria.

LA STORIA DELLA LT

La storia della McLaren F1 è una delle più note nella storia dell’automobilismo, resa tale anche dalle numerose vittorie della GTR, che hanno contribuito a portare il marchio a un livello nuovo, rendendolo degno di un posto nell’albo d’onore delle competizioni automobilistiche. Dopo una stagione di grandi successi nel 1995 e nel 1996, McLaren si apprestò ad ‘alzare l’asticella’ ancora una volta per restare un passo avanti rispetto ai concorrenti. Pur mantenendo pressoché invariati il nome e l’architettura di base, la

McLaren F1 GTR ‘Longtail’ – o LT – del 1997 venne infatti rinnovata completamente dal punto di vista ingegneristico, proponendosi come massima versione dell’iconica

McLaren F1. Il miglioramento dei livelli di deportanza ottenuto tramite il prolungamento della carrozzeria e le notevoli riduzioni di peso sfociarono nella realizzazione di quello che è considerato il bolide più da competizione di tutti i 106 modelli che si sono fregiati dello stemma McLaren F1.

La McLaren F1 GTR ‘Longtail’ partecipò con successo alla stagione di gare GT 1997, prendendo parte anche al campionato FIA GT dove si fece valere contro dei ‘prototipi’ da corsa appositamente preparati, e arrivò a un pelo dal vincere il titolo mondiale. I risultati più importanti conseguiti includono la vittoria nella 4 ore di Silverstone, di Hockenheim e di Spa e il 1° e 2° posto nella categoria specifica – 2° e 3° posto assoluto

– alla 24 Ore di Le Mans del 1997. Nonostante gareggiasse contro vetture LMP molto più veloci, solo un giro separò la McLaren F1 GTR ‘Longtail’ #41 dalla vittoria assoluta.

Il concorrente più vicino nella categoria GT1 terminò la gara con quasi 30 giri di stacco.

Ed ecco che McLaren ripete con la 675LT Coupé e la 675LT Spider. ‘LT’ è ora un emblema che designa prestazioni elevatissime, riportando in auge la tradizione della

McLaren ‘Longtail’ con due modelli pronti a sfoggiare l’iconico stemma: la 675LT Coupé e la 675LT Spider incarnano l’ethos della ‘Longtail’, puntando in modo specifico sul peso ridotto, su caratteristiche aerodinamiche ottimizzate, maggiore potenza, prestazioni dinamiche da gara e coinvolgimento estremo del guidatore.

MANUFACTURING

La 675LT che affianca la 675LT Coupè verrà prodotta a livello mondiale in soli 500 e sono già tutti venduti. Questi sono i modelli più esclusivi della Super Series, prodotti nel McLaren Production Centre, di fianco al McLaren Technology Centre, nei pressi di Woking, Inghilterra.

McLAREN 675LT SPIDER: DATI TECNICI

PRESTAZIONI

 

0-100 km/h (0-62 miglia/ora)

2,9 secondi

0-200 km/h (0-124 miglia/ora)

8,1 secondi

Velocità massima

326 km/h (203 miglia/ora)

Rapporto peso/potenza

532 CV per tonnellata

FRENATA

 

100-0 km/h (62 mph)

3.0 sec., 30.4 m (100 piedi)

200-0 km/h (124 mph)

4.5 sec., 116 m (380 piedi)

300-0 km/h (186 mph)

7.0 sec., 256 m (840 piedi)

MOTORE & TRASMISSIONE

 

Configurazione motore

V8 biturbo / 3799cc

Potenza

675 CV (666 CV brit.) @ 7.100 giri

Coppia motrice

700 Nm (516 piedi/lb) @ 5.000-6.500 giri

Trasmissione

Cambio sequenziale SGG a 7 velocità

CO2

275 g/km

Consumo Carburante

ciclo combinato - 24.2mpg (EU), 11.7l/100km

 

ciclo urbano - 16.1mpg (EU), 17.5l/100km

 

ciclo extra urbano - 33.2mpg (EU), 8.5l/100km

Olio motore

Mobil 1 New Life™ 0W-40

DIMENSIONS & WEIGHT

 

Peso a secco

1,270kg / 2,800lb

Distribuzione del peso

42 / 58

Lunghezza

4.546 mm

Larghezza

2.095 mm

Altezza

1.192 mm

 

Fine

Note per i redattori:

Immagini ad alta risoluzione relative a questo comunicato stampa possono essere scaricate dal sito per i media di McLaren Automotive – cars.mclaren.press.

McLaren Automotive è un costruttore britannico di auto sportive di lusso dalle alte prestazioni ubicato presso il McLaren Technology Centre (MTC) a Woking, nel Surrey. Negli ultimi 30 anni, ha aperto la strada all’uso estensivo della fibra di carbonio nella produzione di veicoli, e da quando introdusse il primo telaio in carbonio nelle vetture da corsa e da strada con la McLaren MP4/ nel 1981 e la McLaren F1 nel 1993 rispettivamente, la McLaren non ha più prodotto una vettura senza il telaio in carbonio,

Dopo il lancio globale della società nel 2010, McLaren Automotive ha introdotto l’innovativa 12C nel 2011, la 12C Spider nel 2012, seguite nel 2013 da un’edizione limitata della McLaren P1™. In linea con il piano che prevede la presentazione di un nuovo modello ogni anno, la Casa ha presentato la 650S Coupé e la 650S Spider nel 2014, mentre il 2015 si è rivelato essere un anno di crescita del portafoglio prodotto ineguagliato con il lancio di 5 nuovi modelli attraverso le gamme prodotto di McLaren. La 675LT Coupé in edizione limitata ha fatto il suo debutto al Salone di Ginevra a fianco della McLaren P1™ GTR, la quale con I suoi 1.000CV, è diventata il modello più potente mai costruito dal marchio. La tanto attesa Sports Series è diventata la terza – ed ultima – linea di prodotto nella gamma McLaren con la 570S Coupé e la 540C Coupé facendo il loro debutto ai saloni dell’automobile di New York e Shanghai rispettivamente, a meno di un mese uno dall’altro. La fine dell’anno ha visto il lancio dell’ultimo modello, la 675LT Spider, che era una risposta alle richieste dei client. L’anno 2015 ha visto anche la fine della produzione del primo modello della Ultimate Series quando la 375° McLaren P1™ è uscita dalla fabbrica, chiudendo cosi un anno importante per il marchio Inglese.

I partner di McLaren Automotive

Per sostenere lo sviluppo, la realizzazione tecnica e la produzione della sua gamma di acclamatissime e innovative auto sportive, McLaren Automotive collabora con società leader nel mondo famose per le loro competenze specialistiche e tecnologie avanzate. Queste includono AkzoNobel, ExxonMobil, Pirelli e SAP.

Informazioni su McLaren Automotive:

Per maggiori dettagli si consiglia di visitare il sito web cars.mclaren.com.

Per maggiori informazioni

Wayne Bruce
Global Communications Director | McLaren Automotive Limited
Telefono: +44 (0) 1483 261500
Cellulare: +44 (0) 7768 132429
Email: wayne.bruce@mclaren.com

Dave Eden
Global PR Manager | McLaren Automotive Limited
Telefono: +44 (0) 1483 262867
Cellulare: +44 (0) 7500 857089
Email: dave.eden@mclaren.com
Twitter: www.twitter.com/DaveEden

Amel Boubaaya
European PR Manager | McLaren Automotive Limited
Cellulare: +44 (0) 7920 531357
Email: amel.boubaaya@mclaren.com

Sito web per i media: cars.mclaren.press
Facebook: www.facebook.com/mclarenautomotive
Twitter: www.twitter.com/McLarenAuto
You Tube: www.youtube.com/mclarenautomotivetv